Il Vigneto.

Il piccolo vigneto e' composto da uve tradizionali come :   ancellotta, salamino, maestri e grasparossa.   Il tutto e' coltivato  con amore e giusto piglio per avere sempre un prodotto migliore, la vendemmia viene fatta a mano, cosi' come la pigiatura e la mostatura, tutto si svolge con la massima dedizione.

la batteria

È facile intuire che la progressiva ed elevata concentrazione e i tanti delicati processi di evoluzione non possano avvenire simultaneamente nel medesimo contenitore: per questo motivo l’unità produttiva dell’Aceto Balsamico Tradizionale non è costituita da un singolo barile bensì da un insieme di botti dai differenti legni e di dimensioni scalari che prende il nome di BATTERIA (da un minimo di 5 fino a 10-12 barili, personalmente ritengo che 5/6  barili costituiscano il giusto equilibrio). La differenziazione dei legni tra una botticella e l’altra conferisce un prezioso bouquet di aromi e peculiari caratteristiche. I legni tipici della tradizione sono: rovere, castagno, gelso e ginepro a cui si aggiunse poi il […]

L’Aceto Balsamico e La Sua Storia.

Una tradizione di sapori che perdura nei secoli Già nel III millennio a.c.nelle  civiltà del Vicino Oriente quali Mesopotamia, Egitto, Palestina e più tardi in Grecia e a Roma; abbiamo testimonianze di un uso massiccio di aceti e mosti di uva, di mele, di datteri e di fichi. Grandi quantità di aceto venivano usate per la conservazione del cibo sia come gradito condimento per poveri e ricchi sia come medicinale e infine restò fino all’età moderna l’acido più potente di cui disponesse l’uomo. Il mosto invece era sia bevuto fresco diluito nell’acqua, ma soprattutto veniva concentrato mediante bollitura essendo il dolcificante più utilizzato in antichità; infine nella cucina dell’antica Roma […]

La piccola “mostra” di oggetti “contadini”.

In questo piccolo locale insieme al materiale per la lavorazione e produzione del futuro aceto balsamico, esiste una piccola mostra degli attrezzi e utensili che si usavano in campagna nel dopoguerra come: il tagliafieno che si utilizzava a tagliare in modo uniforme lo stesso fieno, il  forcone che si usava in campagna  per voltare o unire l'erba, il segone da legno che si utilizzava a tagliare grossi tronchi di albero, il giogo che si metteva alle mucche o ai cavalli per trainare l'aratro, una botticella inizio '900 e un tinello degli anni '30 che si usavano per contenere vino o aceto di vino, il bidoncino del latte che si usava appunto per portare il […]

Come si produce l’aceto Balsamico!!

Innanzitutto dobbiamo dire che la differenza fondamentale tra l’aceto di vino e l’aceto balsamico consiste nella materia prima: per l’aceto di vino è il vino, per l’aceto balsamico è il mosto d’uva. Esistono 2 tipi di aceto balsamico, quello balsamico e quello balsamico tradizionale, noi nella nostra piccola acetaia a conduzione famigliare, ci piace metterci in gioco  per fare un buon aceto balsamico tradizionale. In breve le fasi di produzione: a – vendemmia a mano (trebbiano,lambrusco,ancellotta, spergola, salamino, ec.) b – pigiatura con torchio (senza pressare troppo) c – cottura a cielo aperto con una temperatura che svaria tra i 80 e 90 gradi d – raffreddamento mosto cotto e conseguente […]